giovedì 6 dicembre 2012

Ecco il dispositivo integrale approvato della nostra mozione n. 12: “Impianti, antenne e ripetitori per radiofonia e trasmissione dati, nonché elettrodotti e cabine elettriche: mappatura delle situazioni esistenti, controlli sanitari e regolamentazione delle realizzazioni e dei posizionamenti”



Di seguito il testo integrale del dispositivo della nostra mozione n. 12 (“Impianti, antenne e ripetitori per radiofonia e trasmissione dati, nonché elettrodotti e cabine elettriche: mappatura delle situazioni esistenti, controlli sanitari e regolamentazione delle realizzazioni e dei posizionamenti”) così come modificato in accordo con il sindaco e parte della maggioranza e approvato (11 favorevoli, 4 astenuti, 5 assenti) nel corso della seduta del Consiglio Comunale del 28 novembre 2012.

“Il Consiglio Comunale impegna il Sindaco e la Giunta a:

1. Provvedere ad una completa mappatura delle antenne e dei ripetitori per telefonia mobile e trasmissione dati attualmente esistenti sul territorio comunale, sia su proprietà pubblica che su proprietà privata.

2. Dar corso/provvedere (attraverso APPA e/o altre modalità da definire) al monitoraggio dei campi elettromagnetici nei centri abitati con particolare riferimento ai luoghi pubblici e privati di lunga permanenza o particolarmente sensibili (asili, scuole, ecc.).

3. Quanto descritto ai punti precedenti valga anche per gli elettrodotti e le cabine elettriche di diffusione e di trasformazione.

4. Provvedere a favorire la ricollocazione di impianti eventualmente fuori norma.

5. I dati di cui ai punti 1., 2., 3., 4., siano pubblicati sul sito internet comunale in apposito spazio dedicato.

6. Se consentito dalle norme vigenti, prevedere l’inserimento negli strumenti urbanistici del Comune di Brentonico di:

a) Una mappatura dei luoghi più idonei per l’installazione di impianti radio base nei dintorni di Brentonico e frazioni;

b) Stabilire eventuali vincoli paesaggistici ed ambientali per limitare il proliferare indiscriminato di tali impianti anche su proprietà private.

7. Stipulare apposite convenzioni con i comuni viciniori finalizzate alla condivisione della collocazione di ripetitori ed antenne ai margini del territorio del Comune di Brentonico.

8. Con riferimento alla situazione di grave allarme sociale provocato dalla recente localizzazione di una stazione radio-base in località ‘Al Zengio’, nel caso in cui le risultanze giudiziarie e le pattuizioni contrattuali in essere con la società Ericsson Telecomunicazioni spa avessero come risultato l’effettiva installazione dell’antenna in loc. Al Zengio, procedere a individuare assieme ad Ericsson Telecomunicazioni spa una eventuale idonea locazione alternativa nella quale spostare l’antenna e provvedere al suo effettivo spostamento.”

Hanno votato a favore i consiglieri: Sigfrido Calissoni, Quinto Canali, Renata Cazzanelli, Dante Dossi, Giorgio Dossi, Fabio Mazzurana, Maurizio Passerini, Luca Schelfi, Graziano Veronesi, Fulvio Viesi, Enrica Franca Volpi.

Si sono astenuti i consiglieri: Giuliano Lucchi, Loris Perenzoni, Massimo Raffaelli, Ivano Tonolli.

Risultavano assenti i consiglieri: Monica Luigina Daiprai, Donatella Internò, Anna Malfatti, Annalisa Passerini, Christian Perenzoni.

mercoledì 5 dicembre 2012

Interrogazione n. 6: "Delibere della Giunta Comunale adottate senza il parere del Responsabile del Servizio di Ragioneria"



Al Sindaco di Brentonico
Al Presidente del Consiglio Comunale di Brentonico
Al Revisore dei Conti del Comune di Brentonico

Oggetto: Interrogazione: “Delibere della Giunta Comunale adottate senza il parere del Responsabile del Servizio di Ragioneria”

Notiamo che sempre più spesso, in particolare nel corso del corrente anno, la Giunta Comunale ha adottato proprie Deliberazioni senza il parere del Responsabile del Servizio di Ragioneria del Comune di Brentonico. Alcune delle Deliberazioni citate presentano impegni di spesa per importi anche di una certa consistenza. La mancata sottoscrizione dell’obbligatorio Parere di regolarità contabile da parte del Responsabile del Servizio di Ragioneria può essere imputata ad assenza o ad impedimento dello stesso oppure ad una sua precisa volontà, qualora egli riscontri negli atti mancanze e/o vizi regolamentari, legislativi, procedurali, ecc. oppure altri presupposti che potrebbero compromettere la correttezza, la completezza e la formalità dell’atto da adottare.

Abbiamo, tra alcune altre, scelto tre delibere che la Giunta ha adottato tra il giugno e l’agosto dell’anno in corso e per le quali abbiamo appurato che la negazione della resa del visto di Regolarità contabile da parte del Responsabile del Servizio di Ragioneria del Comune di Brentonico sia stato un suo preciso atto di volontà; l’importo complessivo delle tre delibere selezionate è pari ad Euro 1.094.626,17, cioè quasi il 20% del bilancio comunale dell'anno 2012.

Eccole di seguito:

- Delibera della Giunta Comunale n. 80 del 27.06.2012: “Approvazione prospetto generale e computi per completamento lavori di sistemazione parco ‘Cesare Battisti’ a Brentonico e avvio procedura di affidamento lavorazioni residue”; Euro 171.856,34.

- Delibera della Giunta Comunale n. 88 del 18.07.2012 “Progetto cofinanziato dalla Regione Veneto e dalla Provincia Autonoma di Trento, di elettrificazione di area omogenea sul Monte Baldo: approvazione di preventivo d’offerta di SET Distribuzione S.p.A., con sede in Rovereto, per realizzazione di un tratto di rete elettrica in M.T. fino al Rifugio Graziani e dell’allacciamento elettrico in B.T. di tre nuove utenze comunali (Malga Bes, Rifugio Fos-ce, Malga Vignola) ed affido a trattativa privata”; Euro 782.144,83.

- Delibera della Giunta Comunale n. 97 del 29.08.2012; “Avvio procedura selettiva per affido incarico di collaborazione coordinata e continuativa per gestione della Rete di Riserve del Monte Baldo”; Euro 140.625,00.

Ciò premesso si interroga per conoscere:

1. Per la Delibera della Giunta Comunale n. 80 del 27.06.2012: “Approvazione prospetto generale e computi per completamento lavori di sistemazione parco ‘Cesare Battisti’ a Brentonico e avvio procedura di affidamento lavorazioni residue”, Euro 171.856,34, la descrizione completa e particolareggiata della motivazione del diniego da parte del Responsabile del Servizio di Ragioneria del Comune di Brentonico del Parere di Regolarità Contabile.

2. Per la Delibera della Giunta Comunale n. 88 del 18.07.2012 “Progetto cofinanziato dalla Regione Veneto e dalla Provincia Autonoma di Trento, di elettrificazione di area omogenea sul Monte Baldo: approvazione di preventivo d’offerta di SET Distribuzione S.p.A., con sede in Rovereto, per realizzazione di un tratto di rete elettrica in M.T. fino al Rifugio Graziani e dell’allacciamento elettrico in B.T. di tre nuove utenze comunali (Malga Bes, Rifugio Fos-ce, Malga Vignola) ed affido a trattativa privata”; Euro 782.144,83, la descrizione completa e particolareggiata della motivazione del diniego da parte del Responsabile del Servizio di Ragioneria del Comune di Brentonico del Parere di Regolarità Contabile.

3. Per la Delibera della Giunta Comunale n. 97 del 29.08.2012; “Avvio procedura selettiva per affido incarico di collaborazione coordinata e continuativa per gestione della Rete di Riserve del Monte Baldo”; Euro 140.625,00, la descrizione completa e particolareggiata della motivazione del diniego da parte del Responsabile del Servizio di Ragioneria del Comune di Brentonico del Parere di Regolarità Contabile.

A norma del vigente Regolamento del Consiglio Comunale si richiede risposta scritta.
 Brentonico, 5 dicembre 2012
 Quinto Canali, Monica Luigina Daiprai, Donatella Internò, Fabio Mazzurana, Graziano Veronesi

sabato 1 dicembre 2012

Cronache dal Consiglio Comunale

All’inizio della seduta del Consiglio Comunale dei giorni 27 e 28 novembre 2012 abbiamo posto alcune Domande di attualità riguardanti in particolare i lavori di realizzazione dell’ingresso a Brentonico da Viale S. Rocco: eccessivi ritardi, scarsa qualità dei lavori, necessità di migliorie anche sostanziali (es.: hanno previsto una sede stradale di 5,8 metri…), recupero sul primo progettista dei danni progettuali provocati (ammontano a più di 200.000 Euro i maggiori costi della perizia di variante), sicurezza del cantiere, difficoltà di lavoro per le attività locali e altro. Ritorneremo comunque al più presto sull'argomento con adeguate iniziative consiliari.

Nel corso dei successivi lavori di seduta sono state approvate le seguenti mozioni presentate da “Brentonico Futura”.

- All’unanimità di voti è stata approvata la nostra mozione n. 10 (“Attuazione dell’Accordo tra i soci fondatori istituzionali dell’Associazione Azienda per il Turismo Rovereto e Vallagarina”) che chiede alla Azienda per il Turismo Rovereto e Vallagarina il rispetto pieno e sostanziale dei Patti Parasociali stipulati nei primi mesi dell’anno 2004, patti che garantiscono a Brentonico una serie di benefici a garanzia della particolare rilevanza turistica di Brentonico (Brentonico vale da sola quasi il 50% del restante ambito territoriale lagarino).

- Con i soli voti, ma più che sufficienti, di Brentonico Futura, Unione per Brentonico e Partito Democratico è stata approvata la nostra mozione n. 12 (“Impianti, antenne e ripetitori per radiofonia e trasmissione dati, nonché elettrodotti e cabine elettriche: mappatura delle situazioni esistenti, controlli sanitari e regolamentazione delle realizzazioni e dei posizionamenti”). Il testo dei numerosi punti del dispositivo è stato anche migliorato in alcuni passaggi ed è stato aggiunto un punto nel quale il Comune di Brentonico si rende disponibile alla ricollocazione dell’antenna del Zengio in un luogo più idoneo e potendo ricontrattare il profilo economico della concessione. Tale indirizzo, da noi fortemente cercato e voluto nei giorni precedenti, potrà creare effetti positivi alla risoluzione del caso, sia nel corso dell’udienza del 5 dicembre presso il Tribunale di Rovereto e sia, nel caso lì non succedesse, in tempi immediatamente successivi; siamo ottimisti. Qualora, però, anche questa ulteriore iniziativa non andasse a buon fine, è nostra intenzione (l'abbiamo già comunicato in Consiglio Comunale) presentare un Ricorso Straordinario al Presidente della Repubblica (art. 8 D.P.R. 24.11.1971, n. 1199) per violazione del principio della pubblicità degli atti (i lavori per la costruzione dell'antenna sono iniziati il 15 ottobre mentre la relativa Concessione Edilizia è stata pubblicata all'Albo Pretorio solo successivamente, il 23 ottobre) e per altre fattispecie procedurali e di merito; al fine abbiamo già incaricato un legale specializzato.

venerdì 16 novembre 2012

Antenna del Zengio: nuova iniziativa per favorirne la ricollocazione

Lunedì 19 novembre 2012 pomeriggio consegneremo a mano nella sede di Roma della Ericsson Telecomunicazioni S.p.A., ad un funzionario della stessa, la seguente lettera, assieme anche ad una copia della petizione sottoscritta da circa cinquecento cittadini di Brentonico e ad una copia del Ricorso Giudiziario presentato dal Tennis Club Brentonico contro il Comune di Brentonico.
La lettera chiede:
- alla Ericsson Telecomunicazioni S.p.A.: la disponibilità ad accettare un incontro con il Comune di Brentonico, incontro finalizzato alla condivisione della ricollocazione della stazione radio base del “Zengio” in luogo diverso da quello attuale.

 - al Sindaco e alla Giunta di Brentonico: la disponibilità a ridefinire i termini economici della concessione favorendo la Ericsson Telecomunicazioni S.p.A. nel caso la stessa Società concordasse con il comune la ricollocazione dell’opera.

Di seguito il testo integrale della missiva.

Spettabile
Ericsson Telecomunicazioni S.p.A.
Via Agnanina, 203
00118 Roma

Spettabili
Sindaco e Giunta del
Comune di Brentonico (TN)

Oggetto: invito alla Ericsson Telecomunicazioni S.p.A. ad accettare un incontro con il Comune di Brentonico finalizzato alla condivisione della ricollocazione di una antenna stazione radio base a Brentonico e invito al Comune di Brentonico alla ricontrattazione economica della concessione favorendo la Società qualora la stessa accettasse la ricollocazione dell’opera.

Egregi Signori,
- Con lettera pervenuta al Comune di Brentonico in data 31 gennaio 2012 e con successiva comunicazione pervenuta al Comune di Brentonico tramite e-mail in data 20 marzo 2012, la Ericsson Telecomunicazioni S.p.A., tramite il Consorzio Unitec di Padova, ha richiesto la disponibilità alla concessione in uso di una porzione di area di circa mq. 30,00 della p.f. 207/3 posta a Brentonico in località “Zengio” al fine della realizzazione di una antenna con altezza di circa m. 22 e altri servizi per stazione radio base.
- Con Delibera n. 58 del 16 maggio 2012 la Giunta Comunale di Brentonico provvedeva a formalizzare la concessione in uso alla Ericsson Italia S.p.A. dell’area anzi citata per l’installazione di una stazione radio base per telefonia cellulare. La durata della concessione veniva stabilita in anni 9 rinnovabili ad un canone di Euro 12.000,00 annuali.
- Con regolare Concessione Edilizia n. 35/12 del 26 settembre 2012 il Comune di Brentonico provvedeva ad autorizzare la Ericsson Telecomunicazioni S.p.A. alla “Realizzazione sito di telefonia mobile con recinzione in Brentonico” sulla p.f. 207/3 (Brentonico località “Zengio”).
- La località “Zengio” a Brentonico è situata al margine Sud/Est dell’abitato; vede la presenza di numerose abitazioni, di alcuni importanti impianti sportivi frequentati in particolare da bambini e ragazzi (centro tennis, palazzetto dello sport, bocciodromo; area ricreativa); nelle immediate vicinanze del sito si trova la Scuola Materna di Brentonico.
- Nei primi giorni dell’ottobre 2012 l’impresa incaricata dell’esecuzione dei lavori ha provveduto ad aprire il cantiere per la realizzazione dell’opera autorizzata.
- Numerosi cittadini e responsabili di associazioni (in particolare di quelle convenzionate con il Comune di Brentonico per la gestione degli impianti sportivi sopra citati) hanno promosso, essenzialmente preoccupati di potenziali ricadute da inquinamento elettromagnetico, alcune azioni civiche (in particolare con la raccolta di centinaia di firme di cittadini interessati) verso il Comune di Brentonico, chiedendo lo spostamento dell’antenna in luogo più idoneo e comunque fuori dal centro abitato e lontano da luoghi frequentati da bambini e ragazzi.
- Imprenditori turistici di Brentonico hanno sollevato criticità rispetto alla posizione dell’opera anche ai fini della tutela del paesaggio, paesaggio quale elemento essenziale della loro attività economica ed imprenditoriale.
- A seguito di queste azioni il Comune di Brentonico ha provveduto ad emettere verso la Ericsson Telecomunicazioni S.p.A. in data 23 ottobre 2012 formale Ordinanza (n. 107/2012, prot. 7621/2012) sospensiva dei lavori, adducendo alcuni elementi di natura formale e cartografica.
- La Ericsson Telecomunicazioni S.p.A., con nota di data 9 novembre 2012 ha invitato il Comune di Brentonico a “… procedere, senza ulteriori indugi, ad annullare in autotutela e/o a revocare l’Ordinanza di Codesto Comune…” anche manifestando “… l’espresso avvertimento che in caso contrario si adiranno le competenti sedi per la migliore tutela degli interessi e dei diritti dalla società…”).
- Risulta che la Ericsson Telecomunicazioni S.p.A. sia assolutamente in regola e in diritto di realizzare l’opera autorizzata dal Comune di Brentonico, avendo la stessa Società ottemperato in maniera precisa e puntuale all’osservanza della normativa vigente (comunale e degli enti superiori) al fine dell’ottenimento di tutte le necessarie autorizzazioni di settore.
- La situazione creatasi, situazione che vede contrapposti centinaia di cittadini e alcune associazioni verso il Comune di Brentonico, non è quindi assolutamente imputabile alla Società, ma a sottovalutazioni logistiche e politiche ascrivibili al Comune di Brentonico, che, a questo punto, è nelle sole condizioni di richiedere alla Società un atto di comprensione e la disponibilità a concordare una diversa ricollocazione dell’opera.
- La preoccupazione attuale, apprensione derivata da insistenti voci circolanti a Brentonico negli ultimi giorni, è che, con l’eventuale ripresa dei lavori, certuni cittadini si organizzino al fine di ostacolare di fatto la realizzazione dell’opera, iniziativa, questa, che, se attuata, provocherebbe negativi riflessi sociali locali e probabili danni di immagine ed economici al Comune di Brentonico e alla stessa Società.

Ciò premesso, io sotto firmato Quinto Canali, in qualità di Capogruppo e per conto del Gruppo Consiliare “Brentonico Futura”, mi permetto di sottoporre alle SS.LL. i seguenti inviti:

- alla Ericsson Telecomunicazioni S.p.A.: la disponibilità ad accettare un incontro con il Comune di Brentonico, incontro finalizzato alla condivisione della ricollocazione della stazione radio base del “Zengio” in luogo diverso da quello attuale.

- al Sindaco e alla Giunta di Brentonico: la disponibilità a ridefinire i termini economici della concessione favorendo la Ericsson Telecomunicazioni S.p.A. nel caso la stessa Società concordasse con il comune la ricollocazione dell’opera.

Brentonico, 16 novembre 2012

martedì 13 novembre 2012

Piccole antenne crescono...

In questi tempi sembra una freddura, ma all'ombra delle grandi antenne stanno spuntando, anche sui tetti dei centri storici, antenne e impianti radio base regolarmente autorizzati dalle autorità comunali e provinciali.
Ecco le foto di uno degli alcuni casi che ci sono stati segnalati, con antenna realizzata dritta dritta a pochissimi metri da camere da letto...
Quante ce ne sono sul territorio di queste "opere"?
E i controlli sanitari? Si arrangino e se li paghino i vicini!

Ulteriore iniziativa per favorire lo spostamento della stazione radio base del "Zengio" in luogo più idoneo e sicuro



- Al Presidente, al Vicepresidente, agli Assessori della Provincia Autonoma di Trento
- Ai Consiglieri della Provincia Autonoma di Trento
- Ai Parlamentari trentini

E per conoscenza a:
- Ericsson Telecomunicazioni S.p.A. di Roma
- Comune di Brentonico

Oggetto: spostamento antenna stazione radio base a Brentonico

Egregi Signori,
- Nei primi mesi dell’anno 2009, la società Telecom Italia S.p.A richiedeva al Comune di Brentonico una concessione edilizia per la costruzione di una stazione radio base con antenna di circa 24 m. di altezza a Brentonico in località “Zengio”.
- L’ufficio comunale preposto, a seguito anche dei risultati di consulenza amministrativa appositamente richiesta, negava la concessione ad edificare, giustificando l’atto con motivazioni di natura essenzialmente paesaggistica ed ambientale.
- Con lettera pervenuta al Comune di Brentonico in data 31 gennaio 2012 e con successiva comunicazione pervenuta al Comune di Brentonico tramite e-mail in data 20 marzo 2012, la Ericsson Telecomunicazioni S.p.A., tramite il Consorzio Unitec di Padova, ha richiesto la disponibilità alla concessione in uso di una porzione di area di circa mq. 30,00 della p.f. 207/3 posta a Brentonico in località “Zengio” al fine della realizzazione di una antenna con altezza di circa m. 22 e altri servizi per stazione radio base.
- Con Delibera n. 58 del 16 maggio 2012 la Giunta Comunale di Brentonico provvedeva a formalizzare la concessione in uso alla Ericsson Italia S.p.A. dell’area anzi citata per l’installazione di una stazione radio base per telefonia cellulare. La durata della concessione veniva stabilita in anni 9 rinnovabili ad un canone di Euro 12.000,00 annuali.
- Con regolazione Concessione Edilizia n. 35/12 del 26 settembre 2012 il Comune di Brentonico provvedeva ad autorizzare la Ericsson Telecomunicazioni S.p.A. alla “Realizzazione sito di telefonia mobile con recinzione in Brentonico” sulla p.f. 207/3 (Brentonico località “Zengio”).
- La Ericsson Telecomunicazioni S.p.A. (sede a Roma in via Agnanina 203, CAP 00118) è la filiale italiana della omonima multinazionale svedese (Telefonaktiebolaget LM Ericsson) società che detiene il 35% del mercato mondiale del settore con 25 miliardi di Euro di fatturato nel 2011 e oltre 100.000 dipendenti.
- La località “Zengio” a Brentonico è situata al margine Sud/Est dell’abitato; vede la presenza di numerose abitazioni, di alcuni importanti impianti sportivi frequentati in particolare da bambini e ragazzi (centro tennis, palazzetto dello sport, bocciodromo; area ricreativa); nelle immediate vicinanze del sito si trova la Scuola Materna di Brentonico.
- Nei primi giorni dell’ottobre 2012 (prima della pubblicazione all’Albo Pretorio Comunale della Concessione Edilizia sopra descritta) l’impresa incaricata dell’esecuzione dei lavori ha provveduto ad aprire il cantiere per la realizzazione dell’opera autorizzata.
- Numerosi cittadini e responsabili di associazioni (in particolare di quelle convenzionate con il Comune di Brentonico per la gestione degli impianti sportivi sopra citati) hanno promosso, preoccupati di potenziali ricadute da inquinamento elettromagnetico, alcune azioni civiche (in particolare con la raccolta di centinaia di firme di cittadini interessati) verso il Comune di Brentonico, chiedendo lo spostamento dell’antenna in luogo più idoneo e comunque fuori dal centro abitato e lontano da luoghi frequentati da bambini e ragazzi.
- Imprenditori turistici di Brentonico hanno sollevato criticità rispetto alla posizione dell’opera anche ai fini della tutela del paesaggio, paesaggio quale elemento essenziale della loro attività economica ed imprenditoriale.
- A seguito di ciò il Comune di Brentonico ha provveduto ad emettere verso la Ericsson Telecomunicazioni S.p.A. formale ordinanza sospensiva dei lavori, adducendo alcuni elementi di natura formale e cartografica.
- Risulta che la Ericsson Telecomunicazioni S.p.A. abbia risposto al Comune di Brentonico intimando la revoca dell’ordinanza di sospensiva in quanto la stessa società è legittimata alla realizzazione dell’opera essendo a tutti gli effetti in regola ed intestataria di tutte le autorizzazioni di settore.
- Gli amministratori del Comune di Brentonico sembra stiano cercando contatti con la Ericsson Telecomunicazioni S.p.A. al fine di addivenire ad un accordo per lo spostamento dell’opera in luogo più idoneo, incontro che la società sembra non accettare e non gradire.
- Il giorno 21 novembre 2012 scade il termine dell’ordinanza sospensiva, termine che darebbe alla Ericsson Telecomunicazioni S.p.A. il diritto di riprendere i lavori per la realizzazione dell’opera.
- Ci risulta che numerosi cittadini si stiano organizzando anche al fine di bloccare di fatto l’eventuale ripresa dei lavori.
- Il luogo della collocazione della stazione radio base non risulta coerente con la Deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 dd. 25.05.1999.

Ciò premesso, il sotto firmato Quinto Canali, in qualità di Capogruppo e per conto del Gruppo Consiliare “Brentonico Futura”, facendosi anche interprete delle preoccupazioni diffuse rispetto alla realizzazione dell’opera ed anche preoccupato per le manifeste incapacità/impossibilità amministrative sindacali e giuntali locali, chiedo alle SS.LL. di farsi interpreti preso l’amministrazione della Ericsson Telecomunicazioni S.p.A. di Roma perché la società accetti un incontro con il Comune di Brentonico, incontro finalizzato alla condivisione della ricollocazione della stazione radio base al “Zengio” in luogo più idoneo e sicuro.

L’occasione mi è gradita anche per porgere cordiali saluti

Brentonico, 13 novembre 2012